Skip to content

Quello che deve essere

Dopo aver rinviato per oltre un mese a causa delle emergenze toraco-polmonari, lunedi 13 dicembre inizierò la radioterapia panencefalica, tentativo sistemico di fermare per qualche tempo la progressione metastatica cerebrale. In questi giorni ho valutato le opzioni possibili e, dato che non si escludono a vicenda, preso la mia decisione. Sarà dura, perchè – come tutte le metodiche interventistiche che coinvolgono l’encefalo – comporta dei rischi difficili da valutare e prevedere in anticipo, rischi che possono variare dal semplice mal di testa temporaneo al danno motorio e/o cognitivo permanente. Ho fiducia nei miei medici, cosa che in parte mi tranquillizza. Certo, ho anche una grande paura. Posso dire che domani, quando inizierò, lascerò dietro di me il personaggio di sbroccato arrogante che entra in sala operatoria ridendo e urlando agli amici “se muoio, vendicatemi”. Picchierò duro anche questa volta, sicuro. Ma con più metodo e meno istinto. E sarà quello che deve essere.

“La felicità non è alla fine della strada,

la felicità è la strada” (-)

Argomenti: Cancro.

Tags: ,