Skip to content

Ieri? Il futuro non è scritto

Volevo aggiungere qualcosa alla storia che ho raccontato giorni fa, “Ieri“. Ho chiesto a un medico di fiducia che ha seguito dall’esterno i miei trattamenti cerebrali cosa potesse essere successo, valutando in base al sintomo specifico – la paralisi spastica parziale alla mano sinistra – e alla mappatura che abbiamo delle metastasi cerebrali (posizione, dimensioni, livello di edema e compressione sul cervello-cervelletto-midollo-terminazioni nervose). Le conclusioni sono interessanti. Quella che io ho percepito come la fine che stava per arrivare potrebbe essere stata in realtà una crisi epilettica senza convulsioni o perdita dei sensi, ciò che viene detta crisi parziale semplice. Nel mio caso, probabilmente attivata da una metastasi che si trova in sede frontale. Ha irradiato alla mano, bloccandola per qualche minuto, quindi al braccio, per poi recedere e passare. Insomma, ero lì che credevo fosse la fine, e invece era un evento minoreNon stavo per morire, anche se l’ho percepita così. La malattia fa scherzi strani a volte. Ci tenevo a dirlo. E sempre di più, il futuro non è scritto.

Argomenti: Cancro.

Tags: